mercoledì 16 settembre 2015

Cimitero Acattolico di Testaccio a Roma

image

Una visita tra i segreti e i misteri del cimitero acattolico di Roma  accompagnata dalla voce narrante di una guida e dalle battute di un gruppo di attori di teatro reale, per conoscere meglio i grandi personaggi che qui, dal Settecento in poi, hanno avuto degna sepoltura. L’appuntamento è per sabato prossimo, 19 settembre, alle 15 davanti all’ingresso in via Caio Cestio 6. Scrivendo un’email a info@teatroreale.it con il proprio nome, ci si potrà prenotare al tour. La conferma verrà inviata sempre per posta elettronica (il numero massimo di partecipanti è di 20 persone, il costo è di 12 euro, tra sottoscrizione e ingresso).

image
Nel silenzioso luogo di sepoltura a pochi passi dal caos della Piramide Cestia, vengono custodite le ceneri di tantissime celebrità, a partire dai maggiori poeti romantici inglesi, John Keats e Percy Shelley, fino allo scrittore Carlo Emilio Gadda, ma anche quelle di personaggi storici come il fisico Bruno Pontecorvo e il bellissimo Principe Felix Yusupov, noto per l’assassinio di Rasputin. Imperdibile, la tomba di Antonio Gramsci, visitata dal grande Pier Paolo Pasolini e cantata da lui nei celebri versi: “Uno straccetto rosso, come quello arrotolato al collo ai partigiani e, presso l’urna, sul terreno cereo, diversamente rossi, due gerani. Lì tu stai, bandito e con dura eleganza non cattolica, elencato tra estranei morti: Le ceneri di Gramsci…”.

image
Sepolcri del “luogo più sacro della terra”, secondo Oscar Wilde, su cui poggiano innumerevoli opere d’arte, come "l’Angelo della Resurrezione" di Franklin Simmons e "Psiche che si spoglia delle sue vesti mortali" di Greenough. Un palcoscenico naturale ideale per offrire al pubblico un percorso narrativo e recitato che riporta in vita le presenze illustri di questo parco, attraverso le voci di attori che leggeranno i loro versi e le loro storie, riproponendo le ambientazioni di epoche del passato, quando Roma era la “mecca” di artisti provenienti da tutto il mondo.
Infine, durante il tour, verranno svelate epigrafi impressionanti di alcune tombe, e mostrati i segni indelebili di giorni dolorosi, quando i nazisti, durante gli scontri di Porta San Paolo nel settembre del '43, spararono sui partigiani nascosti in questo luogo sacro. http://spettacoliecultura.ilmessaggero.it/

image

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...