venerdì 25 novembre 2011

“Progetti di vita”, un aiuto per le donne separate

Si è svolta in Campidoglio, presso la Sala del Carroccio, la presentazione del programma “ Progetti di Vita”, avviato da Roma Capitale a sostegno delle donne separate con figli che non percepiscono, o ricevono solo in parte, l'assegno di mantenimento. L’obiettivo è offrire loro un aiuto concreto sia per l’inserimento, o il reinserimento, nel mondo del lavoro sia per la cura e la formazione dei propri figli.
Lavina Mennuni, delegata alle Pari Opportunità di Roma Capitale, ha così dichiarato: “Un'idea concreta sulla quale Roma Capitale ha voluto investire per offrire un sostegno ed uno stimolo alle donne in difficoltà, soprattutto se madri di famiglia con la responsabilità di crescere i propri figli, per aiutarle a riacquistare fiducia in se stesse e ripartire”.
Attraverso tale programma potranno essere finanziate microimprese individuali o collettive - come asili condominiali, catering domestico, attività sartoriali in casa, iniziative di web marketing, telelavoro - ma anche l' iscrizione a corsi di formazione ed il pagamento di utenze domestiche e materiale scolastico per i figli. Giornaliste, psicologhe ed esperte hanno quindi discusso, nella giornata in Campidoglio, su un progetto innovativo che mira ad essere uno strumento concreto di contrasto a forme di esclusione sociale e agevolare le donne sole, ma soprattutto con figli, che si trovano in particolari situazioni economiche.
Un tema spesso sottovalutato, che rappresenta una forma di violenza psicologica ed economica sulle donne, sul quale si vuole sensibilizzare l'opinione pubblica in occasione della giornata del 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Per questo sono state coinvolte nell’incontro anche le più importanti associazioni femminili impegnate contro la violenza sulle donne con lo scopo di innescare un circolo virtuoso ed aumentare l'attenzione su questo tema.
Ad organizzare l'evento Omniares Communication. Ha coordinato i lavori la giornalista di RAI UNO, Cristina Guerra. Sono intervenute Lavinia Mennuni, delegata per le Pari Opportunità di Roma Capitale; Camilla Nata, giornalista della “Vita in diretta”; Anna Di Lallo, presidente della Omniares Communication; Irene Bozzi, psicoterapeuta e scrittrice e le rappresentanti delle più importanti associazioni femminili Be Free, Differenza Donna e Telefono Rosa. Presente, in qualità di testimonial, Roberta Beta giornalista e conduttrice radiofonica.

BANDO

http://www.comune.roma.it

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...