venerdì 11 febbraio 2011

Sugli autobus tornerà il bigliettaio

Dopo anni di vacatio è stato approvato ieri dal consiglio di amministrazione il Piano industriale 2011 -2015 dell'azienda capitolina: 170 milioni di euro per tagliare con il passato, risanare i conti in rosso (la perdita d'esercizio è di oltre 120 milioni di euro e i debiti ammontano a altri 500 milioni) e dare finalmente ai cittadini un servizio più efficiente. Presto per parlare di «rivoluzione» ma le condizioni poste dall'amministratore delegato, Maurizio Basile puntano proprio a questo. Con una premessa fondamentale: tutti dovranno fare la propria parte. Management, dipendenti, enti locali e cittadini. Sì perché anche i cittadini che tanto si lamentano dei mezzi pubblici dovranno iniziare a pagare il biglietto, cosa che ancora stentano a fare. Il «buco» per evasione o elusione del biglietto ammonta a circa 45 milioni.

Così come le agevolazioni tariffarie sono troppe: 250 mila le tessere gratutite, 150 mila gli abbonamenti regolari. Un dislivello che va colmato. Per questo non solo si aprirà un tavolo con il Comune ma tornerà sulle linee più frequentate il «bigliettaio», mentre per le linee periferiche sarà l'autista a vendere i biglietti a bordo del bus. Anche le multe verranno effettuate in tempo reale attraverso palmari, come avviene sui treni. Ma se i cittadini dovranno rispettare le regole, anche l'azienda farà la sua parte.http://www.iltempo.it/

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...